Accordo per il recupero dei beni identitari tramite le Associazioni di proprietari

INIZIANO LE OPERAZIONI DI DEMOLIZIONE E RIMOZIONE MACERIE IN 51 FRAZIONI DEL COMUNE DI AMATRICE – MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI ATTRAVERSO LE ASSOCIAZIONI DEI PROPRIETARI

Il 23 maggio scorso il COI di Amatrice ha convocato a Roma in via Laurentina una riunione alla quale hanno partecipato numerosi rappresentanti delle Associazioni Proprietari delle Frazioni di Amatrice che saranno oggetto delle operazioni di demolizione immobili e rimozione macerie private.
Alla riunione erano presenti Fabrizio Cola Coordinatore COI, Moreno Tuccini Direttore Lavori Regione Lazio, Massimilano Albanese Assistente D.L., Pier Luigi Milone Responsabile della Sicurezza e Paolo Gatta per la ditta GARC.
E’ stato discusso tra i presenti l’accordo per il recupero dei beni “identitari” degli immobili promosso da alcune Associazioni Proprietari delle Frazioni (tra le quali Sant’angelo, Sommati e Retrosi); accordo, sottoscritto con il COI attraverso la approvazione di un verbale con allegato un vademecum e una scheda per richiesta di recupero elementi “identitari”, al quale altre Frazioni stanno man mano aderendo.
Le Associazioni dei Proprietari dovranno identificare idonee aree di stoccaggio comuni, fare riempire e raccogliere le schede concordate per poi consegnarle al COI che provvederà a trasmetterle alla ditta vincitrice della gara di rimozione macerie. Tutto il lavoro concordato con le Associazioni andrà realizzato in ogni modo nei termini condivisi e dettati dai tempi previsti nel piano di demolizione e come obiettivo la Regione Lazio ha fissato indicativamente la data del 28 Agosto ( data fine dell’emergenza).
La gara di appalto è stata assegnata dalla Regione Lazio alla ditta GARC, la stessa che ha operato e sta operando ad Amatrice. La GARC ha comunicato che da lunedì 21 ha iniziato le opere di cantierizzazione del primo gruppo di Frazioni (Preta, Voceto e Retrosi) per poi proseguire con un calendario dei lavori che sarà a breve comunicato.
Saranno oggetto di demolizione e rimozione delle macerie tutti gli immobili presenti nelle 51 Frazioni per i quali il Comune di Amatrice ha emesso ordinanza di demolizione con una data superiore ai 120 gg (si tratta di circa 400 ordinanze per un totale di oltre 1.000 immobili). Esiste un piano di rimozione delle macerie anche per altri edifici già completamente crollati per i quali non è stata emessa ordinanza di demolizione. Tale elenco andrà monitorato.
Tutti gli immobili che insistono su terreni privati e non arrecano pericolo, non saranno oggetto di ordinanza di demolizione da parte del Comune e beneficeranno, come previsto dalla normativa, di un contributo aggiuntivo per la demolizione pari al 10% del risarcimento del danno. Importo che verrà concesso con l’inserimento nell’appalto per la ricostruzione.
I proprietari saranno avvisati mediante Avviso del Comune di Amatrice con un periodo di almeno 15 giorni prima dell’inizio dei lavori, e convocati comunque dalla GARC 4 giorni prima dell’inizio lavori sui loro immobili.
La GARC, se ci saranno opportune condizioni di sicurezza, fornirà il massimo aiuto nel recuperare anche i beni affettivi (mobili, foto ecc.) eventualmente con l’ausilio dei vigili del fuoco.
Saranno a breve fissate le date dei sopralluoghi nelle Frazioni per concordare un programma degli interventi e l’individuazione delle aree comuni di stoccaggio.
Il COI attiverà con la Prefettura di Rieti un piano di vigilanza e sorveglianza antisciacallaggio durante lo svolgimento dei lavori per garantire la preservazione dei nostri beni.
Nel corso della riunione sono state richieste informazioni sul previsto monitoraggio di polveri sottili e di amianto a tutela della popolazione residente nei villaggi SAE collocati in adiacenza ai cantieri.
Il COI ha garantito l’utilizzo di procedure che secondo le norme vigenti prevedono abbattitori di polveri, confinamento dell’amianto e misurazioni dei valori eseguiti dall’Arpa.
La GARC SPA fornirà a breve un calendario dei lavori, e tutte le Frazioni che ancora non hanno avuto modo di compilare le schede, potranno presentarle nei prossimi giorni inviandole direttamente al COI in via cartacea o digitale.
Alcune Associazioni dei Proprietari, al termine della riunione hanno consegnato, su indicazione del COI, all’ing. Gatta della GARC le schede raccolte per la loro Frazione.
E’ stata creata a cura del COI una mailig list con gli elementi rappresentativi delle Frazioni che potranno ricevere le informazioni successive.
Tutti coloro che volessero avere informazioni possono scrivere al COI all’indirizzo coiamatriceaccumoli@regione.lazio.it.

Leave A Comment?

You must be logged in to post a comment.